This is Photoshop's version  of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.uci elit consequat ipsutis sem nibh id elituci elit consequat ipsutis ...

Follow me on instagram

Contact us

Eighth Avenue 487, New York 
Phone: +387643932728
Phone: +387123456789

Blog

Home  /  Sposa   /  Pizzo, un tessuto prezioso per abiti raffinati ed eleganti

Pizzo, un tessuto prezioso per abiti raffinati ed eleganti

Negli scorsi giorni abbiamo fatto una panoramica dei tessuti più utilizzati per la realizzazione degli abiti da sposa. Oggi parleremo nel dettaglio di quello che, probabilmente, è il materiale più richiesto da tutte le spose del mondo, il pizzo. Si tratta di uno splendido tessuto che, ancora oggi, segue una linea di preparazione tradizionale. Le origini di questo particolarissimo tessuto non sono chiare anche se, probabilmente, è dal primo ‘500 che ha cominciato a diffondersi per il confezionamento di abiti. La particolarità del pizzo sta proprio nella sua preparazione. Non si tratta, infatti di un intreccio su stoffa, ma di un vero e proprio intreccio nel “vuoto”.

A mano, su tombolo o su telaio

Il pizzo si divide in tre particolari lavorazioni.

A mano: si tratta di una delle lavorazioni più delicate e d’effetto. E’ particolarmente utilizzato per creare trasparenze e può essere realizzato utilizzando fili di cotone ma anche di argento o d’oro. Molto suggestive le lavorazioni che prevedono l’intreccio con perline. In genere il pizzo lavorato a mano segue una regola: più e sottile e più è prezioso.

A tombolo. Il tombolo è un antico strumento in legno utilizzato per la realizzazione di pizzi e merletti. Le forme e le dimensioni del tombolo non sono standard, ma seguono variazioni in base alle varie regioni in cui sono prodotti. Celebri quelli di Burano, Cantù o Pozzuoli.

Su telaio. La lavorazione su telaio a sua volta si divide in due sottocategorie.

Pizzo Leavers e pizzo Jacquard

Questi due particolati tipi di pizzo lavorato a telaio si differenziano per gli strumenti utilizzati. I telai Leavers sono tra i più antichi telai esistenti per la lavorazione del pizzo. I materiali prodotti sono di qualità eccelsa (oltre che molto costosi). Il disegno estremamente rifinito e la finezza del fondo fanno del pizzo realizzato con il telaio Leavers uno dei materiali più ricercati dalle spose.

I telai Jacquard, a differenza dei Leavers introdotti in piena rivoluzione industriale (inizi ‘800) sono telai di fattura sicuramente inferiore (ma non scadente) introdotti in Germania dopo la seconda guerra mondiale. In questo particolare tipo di merletto la lavorazione si distingue per essere meno “raffinata” rispetto al telaio Leavers. Differenze riscontrabili sopratutto per quanto riguarda la definizione del disegno.

Curiosità

Il pizzo è considerato da sempre un materiale regale per eccellenza. Agli inizio del 1800 Napoleone impose la moda del pizzo a corte. Da allora tutti gli abiti dei cortigiani vennero confezionati partendo proprio dal pizzo. Fino al ‘700 il pizzo era presente comune negli abiti maschili (celebri i pizzi spagnoli), ma con il passare del tempo questo materiale è caduto in disuso dai guardaroba maschili.

Questo articolo ti interessa? Prova a leggere:

Sorry, the comment form is closed at this time.